Gestire la reazione emotiva al rifiuto e al fallimento

Iniziamo questo nuovo progetto parlando della reazione emotiva al rifiuto e al fallimento.

La casistica di accadimenti è variegata, ma è possibile suddividerla in due macro-categorie: il rifiuto vissuto all'interno di un'interazione con un'altra persona e il fallimento rispetto ad un progetto, un sogno o semplicemente rispetto ad un cambiamento che credevamo potesse accadere.

Quando si devono usare le parole per descrivere una condizione emozionale, inevitabilmente usiamo uno strumento poco idoneo, poiché mentale e razionale. Tuttavia, dobbiamo comunque compiere questo tentativo, poiché chiunque voglia vivere una vita sopra la media ed esprimere realmente i propri talenti, inevitabilmente dovrà confrontarsi con il rifiuto e il fallimento.

Nel miglioramento personale il fallimento o il rifiuto sono analizzati dalla prospettiva della crescita in quanto esperienze rafforzative. Non di rado, infatti, si fa riferimento a frasi del tipo "cadiamo per imparare a rialzarci" e tante altre.

Bene, anzi male, queste sono le classiche parole che fa piacere leggere quando va tutto bene e la nostra vita scorre tranquilla; è facile essere d'accordo quando viviamo in una condizione di serenità!

Tuttavia, quando le cose vanno diversamente le parole sono prive di senso, poiché è proprio in questi casi che il linguaggio, la parola, la razionalità perdono credibilità dinanzi al vortice incontenibile delle emozioni.

Nietzsche affermava che "Quello che non mi uccide mi fortifica" ; il mio personale parere è che massime di questo genere, come quelle citate in precedenza, sono assolutamente vere ma affrontano sempre la situazione del rifiuto e del fallimento dalla prospettiva del "dopo" e mai del momento presente.

L'istante del rifiuto è per molti un “veleno emozionale” che trasfigura in negativo ogni altro aspetto della vita.

Pertanto, la gestione emotiva di un fallimento nel momento in cui viene vissuto è una questione molto complessa, tuttavia io credo che l'importanza che attribuiamo ad una persona o ad una situazione dipenda strettamente da un fattore: qual è la struttura di base della nostra vita?

Siamo persone che canalizzano le proprie energie in più progetti, più idee, più hobby, più conoscenze, più passioni?

Oppure siamo quel tipo di persona che conduce una vita dove la sorgente delle proprie emozioni deriva da una sola fonte?

Bene, in quest'ultimo caso saremo destinati a vivere emozioni molto intense, sia negative che positive, e queste grandi oscillazioni non gioveranno all'equilibrio globale del nostro essere, influenzando l'effettiva qualità e benessere della nostra dimensione interiore.

Strutturare la nostra vita su più ambiti di interesse permette di avere una “diversificazione e frammentazione emozionale” che ci consentirà di dare il giusto peso alle persone e agli eventi.

Agendo in questo modo suddividiamo il flusso delle nostre emozioni in tanti piccoli torrenti, ottenendo una serie di vantaggi :

1. La gestione emotiva sarà più facile poiché frammenteremo l'importanza e le energie su più ambiti.


2. La diversità di ambiti genera una visione di abbondanza e di prosperità, riducendo al minimo le oscillazioni emotive.


3. In un contesto di questo tipo è più facile imparare dal fallimento, poiché, avendo un maggiore controllo sulle nostre emozioni, è possibile analizzare con razionalità gli eventi.

In questo stato di cose, faremo davvero nostre le parole di Richard Bandler, fondatore della P.N.L. (Programmazione Neuro Linguistica), che disse: "Talvolta si sente dire: un giorno ti guarderai indietro e riderai di tutta questa storia. Quello che mi chiedo io è: perché aspettare?" 

 

 

Written by : PersonalCoachProject

Giorgio
Salve, trovo il post molto interessante. Quando ricevo dei rifiuti in amore o nel lavoro, riscontro molte difficoltà nel ritornare come prima, in tutta sincerità credo che venga minata facilmente la mia autostima. In effetti strutturare la propria vita in più segmenti di interesse potrebbe essere la soluzione per gestire meglio le proprie emozioni, sono pienamente d'accordo, ma credo di avere ancora molta strada da fare....
Personal Coach Project
Caro Giorgio, il rifiuto ed il fallimento possono essere i più grandi detrattori della nostra vita. In effetti, gli ostacoli e gli imprevisti possono deviare l'andamento della nostra vita, allontanandoci da noi stessi. Quello che tu dici è assolutamente vero, le emozioni che ci "assalgono" nei momenti del rifiuto, specie in ambito relazionale, sono un veleno interiore. È proprio per questa ragione che gran parte dell'articolo è dedicato a dei suggerimenti su come strutturare la propria vita in più canalizzazioni emozionali.

Detto questo, le emozioni passano, per quanto negative possano essere, a volte lasciano anche delle cicatrici, ma non dobbiamo permettere alle esperienze che viviamo di mutare in negativo il modo con cui vediamo noi stessi e la vita.

Ecco un ultimo suggerimento:

Definiamo noi stessi "a priori", conoscendo realmente i nostri talenti, i nostri punti di forza e anche quelli su cui dobbiamo migliorare, in tal modo, tracciando una mappatura interiore di questo tipo, avremo già definito in anticipo "chi siamo" e non permetteremo agli eventi esterni di alterare la nostra autostima.

5000 Characters left


 

 

 

LO SAPEVI CHE

  • Lo sapevi che negli Stati Uniti a gran parte delle squadre sportive affiancano un Coach che gestisce gli aspetti più individuali della squadra per creare fiducia e sicurezza in ogni sportivo?
     
 
 
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

FOLLOW US

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Chiudi', proseguendo nella navigazione o effettuando qualunque altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.